Corte Costituzionale 13 luglio 2018, n. 158

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 31/07/2018

La Corte Costituzionale dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 24, comma 3, del decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151 (Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell’articolo 15 della legge 8 marzo 2000, n. 53), nella parte in cui non esclude dal computo di sessanta giorni ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 4, 14 giugno 2018, n. 27399

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 16/07/2018

Infortunio presso una macelleria accaduto al lavoratore impegnato nella disossatura di un quarto di bue. Nessun addebito al datore di lavoro trattandosi di una manovra non prevista né consentita dalla prassi aziendale. In materia di colpa, il requisito della prevedibilità dell'evento non deve essere frutto di una elaborazione creativa, fondata ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 4, 25 giugno 2018, n. 29144

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 10/07/2018

Poncho a frange impigliato nell’albero motore di un telaio tessile e infortuno grave. Assenza dei necessari dispositivi di sicurezza. Nella specie, come correttamente rilevato dalla Corte perugina, il rischio non era stato adeguatamente fronteggiato, atteso che non veniva scongiurato il rischio che il lavoratore, anche solo accidentalmente o per ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 4, 18 maggio 2018, n. 22034

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 27/06/2018

Taglio con flessibile del fusto contenente gasolio ed esplosione. Condotta colposa abnorme del lavoratore idonea ad escludere il nesso di causalità tra la condotta del datore di lavoro e l’evento lesivo. Il datore di lavoro, e, in generale, il destinatario dell'obbligo di adottare le misure di prevenzione, è esonerato da ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 4, 18 maggio 2018, n. 22013

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 19/06/2018

L’Amministratore delegato è responsabile per l’omesso controllo dell’adozione da parte del sub-appaltatore delle misure generali di tutela della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro. In tema di prevenzione degli infortuni sul lavoro, il committente è titolare di una posizione di garanzia idonea a fondare la sua responsabilità ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 4,08 maggio 2018, n. 20103

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 13/06/2018

Morte del lavoratore risucchiato dall’ingranaggio del trattore guidato dal proprio datore di lavoro. Mancata informazione sui rischi specifici esistenti e sulle misure di emergenza. Il lavoratore non aveva ricevuto nessuna istruzione sui rischi connessi al lavoro da svolgere. Se il I.R. fosse stato reso edotto di tali rischi ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 4,08 giugno 2018, n. 26294

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 12/06/2018

Prassi di lavoro errata nella movimentazione dei carichi consentita e tollerata. Responsabilità del datore di lavoro e del preposto per l’infortunio mortale. Il datore di lavoro deve controllare che il preposto, nell'esercizio dei compiti di vigilanza affidatigli, si attenga alle disposizioni di legge e a quelle, eventualmente in aggiunta, ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 4, 30 aprile 2018, n. 18677

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 07/06/2018

Il direttore del montaggio delle opere prefabbricate è responsabile per il crollo del solaio e la conseguente morte del lavoratore precipitato. Egli riveste il ruolo di preposto di fatto In materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro, in base al principio di effettività, assume la posizione di garante colui il quale ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 4, 30 aprile 2018, n. 18660

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 04/06/2018

Infortunio di un dipendente del subappaltatore. Il subappaltante-committente non può sostituirsi al subappaltatore-DL nella formazione dei dipendenti di quest’ultimo. La sfera di controllo del subappaltante-committente non può estendersi fino alla sostituzione del subappaltatore-datore di lavoro nell'attività di formazione-informazione dei dipendenti di quest'ultimo, rilevando la non esigibilità di un controllo ...

Continua...

Cassazione civile, Sez. Lav., 29 marzo 2018, n. 7844

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 30/05/2018

Costrizione della vittima a lavorare in un ambiente di lavoro ostile, per incuria e disinteresse nei confronti del suo benessere lavorativo con conseguente violazione da parte datoriale del disposto di cui all’art. 2087 cod. civ. Il datore di lavoro è tenuto ad evitare situazioni "stressogene" che diano origine ad una condizione ...

Continua...

© Copyright 2018 FTS Foglio Tecnico di Aggiornamento Sicurezza.