Cassazione penale, Sez. 4, 23 gennaio 2019, n. 3228

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 20/03/2019

Il datore di lavoro, in caso di lavori in appalto, coopera all'attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull'attività lavorativa oggetto dell'appalto e coordina gli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, informandosi reciprocamente anche al fine di eliminare rischi ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 4, 20 dicembre 2018, n. 57706

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 11/03/2019

In tema di infortuni sul lavoro - indipendentemente dalla esistenza o meno della figura del preposto - la cui specifica competenza è quella di controllare l'ortodossia antinfortunistica dell'esecuzione delle prestazioni lavorative per rapporto all'organizzazione dei dispositivi di sicurezza - il datore di lavoro risponde dell'evento dannoso laddove si accerti che egli ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 4, 19 dicembre 2018, n. 57361

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 26/02/2019

«Nei lavori di escavazione con mezzi meccanici deve essere vietata la presenza degli operai nel campo di azione dell'escavatore e sul ciglio dei fronte di attacco»; la violazione di tale regola era espressamente indicata nel capo d'imputazione, unitamente all'altra, prevista dall'art.19 d.lgs. n.81/2008, che disciplina gli obblighi ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 4, 07 dicembre 2018, n. 54803

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 14/01/2019

L'obbligo di formazione non si esaurisce nel passaggio di conoscenze al dipendente ma va verificato che esse siano patrimonio acquisito in concreto. Il datore di lavoro che non adempie agli obblighi di informazione e formazione gravanti su di lui e sui suoi delegati risponde, a titolo di colpa specifica, dell'Infortunio ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 4, 21 dicembre 2018, n. 57937

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 11/01/2019

La sentenza impugnata muove da apodittiche affermazioni di responsabilità dei consulenti esterni all'azienda e non offre, nel suo percorso argomentativo, adeguati elementi di riscontro che consentano di considerarli titolari, di fatto, di una specifica posizione di garanzia. In termini generali, sarà utile ricordare che, sulla base della normativa di settore ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 3, 26 novembre 2018, n. 52984

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 27/12/2018

Scala di accesso all’edificio priva di corrimano: Responsabile il CSE per non aver aggiornato il piano di sicurezza e coordinamento. La contravvenzione di cui all'art. 92 del citato decreto legislativo 81/2008, che pone a carico del coordinatore "la verifica, con opportune azioni di coordinamento e controllo, dell'applicazione, da parte delle ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 3, 23 novembre 2018, n. 52858

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 17/12/2018

Con sentenza del 1° dicembre 2016, il Tribunale di Pisa condannava N.R. alla pena di € 2.500 di ammenda, in ordine al reato di cui agli art. 18 comma 1, lett. I), 37 e 73 del d.lgs. 81/2008 (con sanzione prevista dall'art. 55 comma 5 lett. C del medesimo decreto), perché, quale titolare del centro estetico "Specchio delle mie ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 4, 02 novembre 2018, n. 49885

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 14/12/2018

Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui ricadono gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione, alle istruzioni e ai mezzi forniti dal datore di lavoro. La giurisprudenza di legittimità ha ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 4, 09 agosto 2018, n. 38363

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 23/11/2018

Morte per asfissia nella cella frigorifera e responsabilità da reato degli enti per la realizzazione di un non trascurabile risparmio di spesa grazie alla sistematica violazione della normativa antinfortunistica. "In tema di responsabilità da reato degli enti, in relazione ai reati colposi contro la vita e l'incolumità personale ...

Continua...

Cassazione penale, Sez. 3, 23 ottobre 2018, n. 48268

GIURISPRUDENZA CASSAZIONE del 15/11/2018

La responsabilità dell'amministratore della società, in ragione della posizione di garanzia assegnatagli dall'ordinamento, non viene meno per il fatto che il ruolo rivestito sia meramente apparente (Sez. 4, n. 49732 del 11/11/2014, Canigiani, Rv. 261181) e, a maggior ragione, come nel caso in esame, quando la qualifica giuridica soggettiva non sia stata neppure contestata, ...

Continua...

© Copyright 2019 FTS Foglio Tecnico di Aggiornamento Sicurezza.